Home News La politica attraverso la street art: capitolo primo, Roma

La politica attraverso la street art: capitolo primo, Roma

723
0
Art and Politics. The Streets of Rome. Un ebook e quattro brevi documentari per indagare i grandi temi della politica attraverso l’arte di strada.
La politica attraverso la street art: capitolo primo, Roma

Art and Politics. The Streets of Rome, un progetto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale in collaborazione con l’Istituto Affari Internazionali. Un ebook e quattro brevi documentari per indagare i grandi temi della politica attraverso l’arte di strada.

“L’oro nero” del momento

Scrivere o disegnare su un muro è storicamente un atto di protesta. Per usare le parole di Diamond, street artist romano classe 1977: “Che ti piaccia o no, [l’opera] te la becchi, te la guardi”,  in qualche modo quindi sei costrettǝ a prestare attenzione al messaggio che l’artista vuole inviare. I muri prendono vita diventando tele a cielo aperto, è l’arte sotto gli occhi di tutti dedicata a chi la città la vive giorno dopo giorno, lontana dall’élite che l’arte la “compra”.

Che le immagini siano un veicolo potentissimo per la trasmissione di significati ed ideali lo sappiamo benissimo. Oggi siamo continuamente bombardati a colpi di scroll da modelli, prodotti, desideri, sotto forma di foto e grafiche. “La comunicazione in questo momento è l’oro nero del mondo no? Tutto gira intorno alla comunicazione”, riassume Lucamaleonte, anche lui street artist romano (suo il grande ritratto di F. Totti del 2014 a Porta Metronia).

Il Ministero degli Affari Esteri e l’Istituto Affari Internazionali hanno colto come l’arte di strada sia in grado di esprimere contenuti complessi in modo immediato, definendolo come “un laboratorio di alfabetizzazione per i cittadini non solo alla cultura contemporanea ma anche alla politica”.

 Il progetto

Così da mercoledì 7 luglio 2021 sul portale Italiana – lingua cultura creatività nel mondo sono disponibili un ebook (Art and Politics -The streets of Rome) e quattro brevi documentari nei quali i principali rappresentanti della street art romana affrontano importanti tematiche politiche e il loro modo di rappresentarle. «La Street Art è il settore tra i più dinamici e vivaci del nostro panorama artistico. Il nostro progetto mostra non solo i talenti che meritano di essere conosciuti in tutto il mondo, ma anche la sincera e profonda passione degli artisti italiani per i temi più attuali e la centralità dell’impegno sociale e politico nella loro produzione», evidenzia Lorenzo Angeloni, direttore generale per la Promozione del sistema Paese. 

Si è deciso di dar vita a questo progetto partendo  da Roma, la metropoli che con tutti i suoi quartieri,  più che mondi, sembra racchiudere diversi universi. “Roma rimane una città dove il centro è quello monumentale…Ed è sempre più chiaro che c’è chi la città la abita a tutti i livelli e chi la città…la sfrutta” dichiara Giorgio De Finis, antropologo e curatore.

Parallelamente nei documentari e nell’ebook del progetto si tratta di democraziacambiamento climatico, genere e identità.

Street Art e democrazia

Ci si interroga come sia possibile limitare il dilagare di fake news senza mettere a repentaglio il diritto di libertà di espressione, alla base dei diritti umani e della democrazia. 

  • “Le sfide della democrazia odierna dopo la crisi dell’egemonia americana“. Analisi di Nathalie Tocci e opera di Manu Invisible.
  • “Il problema dell’accesso alla conoscenza e le ricadute della sua mancanza nella formazione di un sistema democratico sostanziale“. Analisi di Piero Tortola e opera “Hulk seduto” di SOLO.
Art and Politics. The Streets of Rome. Un ebook e quattro brevi documentari per indagare i grandi temi della politica attraverso l’arte di strada.
“Hulk seduto” di SOLO

 Street Art e cambiamento climatico

Problema di portata mondiale, il tema del cambiamento climatico ha trovato spazio nell’agenda politica globale grazie all’attivismo di Greta Thunberg. Strettamente collegato al concetto di globalizzazione, la questione del climate change viene rilanciata come possibilità di un mondo liberale ma allo stesso tempo solidale ed equo.

  • “Stili di vita sostenibili come stimolo al progresso sociale“. Analisi di Luca Franza e opera “Hunting Pollution” di Iena Cruz.
  • “L’impegno collettivo per contrastare il cambiamento climatico nei movimenti come i FridaysForFuture“. Analisi di Eleonora Poli e opere di Jerico.
Art and Politics. The Streets of Rome. Un ebook e quattro brevi documentari per indagare i grandi temi della politica attraverso l’arte di strada.
“Hunting Pollution” di Iena Cruz

Street Art e genere

Nonostante tutte le battaglie vinte e i traguardi raggiunti nel corso della storia per la parità di genere, la questione resta ancora un dibattito aperto. Molto spesso infatti si è parlato di pink washing, ovvero un utilizzo improprio delle Quote Rosa per lavarsi la coscienza da pratiche sbagliate. Attraverso le analisi e le opere si cerca di capire quali siano gli elementi necessari per una politica di genere inclusiva e stabile.

  • “Isolamento sociale e problematiche di genere: le famiglie monoparentali“. Analisi di Fabrizio Botti e opera “Wonder Woman” di SOLO.
  • “Donne e cittadinanza attiva“. Analisi di Irene Fellin e i murales di Alice Pasquini.
Art and Politics. The Streets of Rome. Un ebook e quattro brevi documentari per indagare i grandi temi della politica attraverso l’arte di strada.
“Wonder Woman” di SOLO

Street Art e identità

In un mondo globalizzato, ci si chiede come sia possibile mantenere la propria identità e cultura locale. Di fronte alla crisi migratoria dell’Italia e il Mediterraneo, inoltre, la questione è diventata sempre più urgente: le comunità glocal, dove globalizzazione e localismo convivono in sintonia, sono realmente attuabili? 

  • “Identità come sovrapposizione di diversi modelli sociali, culturali e geografici“. Analisi di Nicoletta Pirozzi e opera “Hic Sunt Diamond” di Diamond.
  • “Identità LGBT“. Analisi di Carlo d’Ippolito e opera “Outside In” di JDL.
Art and Politics. The Streets of Rome. Un ebook e quattro brevi documentari per indagare i grandi temi della politica attraverso l’arte di strada.
“Outside In” di JDL

Chi getta semi al vento…

Agli albori della sua storia, la street art è stata considerata alla stregua degli atti vandalici. Per antonomasia legata alle aree urbane abbandonate e degradate, gli ultimi decenni sono stati fondamentali per la rivalutazione di questa arte: dai progetti di riqualificazione dei quartieri periferici ai murales con pitture che riescono ad assorbire gli elementi inquinanti del traffico urbano. Lasciare un segno portando umanità negli “angoli bui della città”, riferisce Alice Pasquini, esponente della street art romana ed internazionale, “significa anche gettare un seme, no?”.

E come recitava anni fa una scritta su Ponte Principe Amedeo di Roma, ormai cancellata, Chi getta semi al vento farà fiorire il cielo.

Art and Politics. The Streets of Rome. Un ebook e quattro brevi documentari per indagare i grandi temi della politica attraverso l’arte di strada.
Murales per la Parità di Genere, liceo Manara, di Alice Pasquini e UNO
Articolo precedenteLa sfilata Jacquemus “La Montagne” autunno inverno 2021/22: un’escursione magica
Articolo successivoA colpi di sciabola: Francia VS Russia. In difesa dello Champagne
Ho un’idea chiara solo di quello che non mi piace, tra questi gli stereotipi. Di cose che mi piacciono, al contrario, ne scopro continuamente. Se volete farmi un regalo, fatemi viaggiare (in treno possibilmente) o andare a un concerto (sotto palco, grazie). Se volete torturarmi, invece, fatemi aspettare alla fermata dell’autobus (non ce la faccio, vado a piedi piuttosto) oppure, scrivere una biografia in poche righe.