Biogas, le accuse della senatrice Elena Fattori indignano la politica veliterna

Il Consiglio Comunale di questa mattina (giovedì 26 marzo ndr.) si è aperto con le dichiarazioni del Presidente Daniele Ognibene in risposta all’intervento della senatrice del Movimento 5 Stelle Elena Fattori pronunciato in Senato nella seduta del 25 marzo 2015 (disponibile sul canale youtube dei senatori del M5S e riportato in fondo all’articolo).

Le accuse della senatrice Fattori – Nello specifico l’esponente grillina, già presente a Velletri nell’ultima riunione della Commissione speciale sui rifiuti tenutasi lo scorso 19 marzo, nell’aula di Palazzo Madama aveva attaccato tutti i membri della suddetta Commissione, a suo dire “splendida quanto inutile” per via dei suoi poteri puramente consultivi, per aver “ascoltato con tanta attenzione” fino a “pendere dalle loro labbra” personaggi come l’ingegner Guidobaldi (progettista per conto della Volsca Ambiente dell’impianto biogas da realizzarsi a Velletri e ascoltato nell’ultima seduta della Commissione) e per non aver avuto la stessa considerazione nei suoi confronti, a suo dire perché ascoltare “l’unica incensurata potrebbe creare un pericoloso precedente”. La senatrice ha anche puntato il dito contro il Comune di Velletri per non riuscire a rispondere alle osservazioni che la Regione Lazio ha presentato al progetto della Volsca Ambiente e, infine, rivolgendosi al governo, ha accusato: “queste sono le persone che mandate sul territorio con le vostre leggi inique”.

Le reazioni bipartisan – Come detto, durissima è stata la reazione del Presidente del Consiglio Comunale di Velletri, Daniele Ognibene, che ha accusato la senatrice di non conoscere le leggi che regolano il funzionamento delle commissioni consiliari, per loro natura tutte esclusivamente consultive, ma soprattutto, definendosi “l’unica incensurata”, di aver indebitamente offeso i consiglieri comunali di Velletri e di conseguenza di aver oltraggiato tutta la Città. Un atteggiamento irrispettoso e perseguibile per vie legali.
A Ognibene ha fatto eco Giorgio Greci, che in qualità di Presidente della Commissione sui rifiuti ha permesso (per cortesia istituzionale) alla senatrice Fattori di prendere la parola nell’ultima seduta della Commissione e che si è detto indignato ed amareggiato per il comportamento inappropriato dell’esponente del M5S, rendendosi disponibile a supportare ogni eventuale azione si volesse perseguire. Così anche i consiglieri Cerini (PdL) e Quaglia (FdI), quest’ultimo intervenuto in difesa del consigliere regionale Giancarlo Righini, anch’esso bersaglio delle accuse della senatrice del M5S.
In serata è arrivata anche una nota del Partito Democratico di Velletri che ha definito le parole della senatrice Fattori “un’offesa a tutta la città, che dimostrano il suo scarso senso delle istituzioni oltre alla sua palese ignoranza in materia di commissioni consiliari”.

Ancora una volta, dunque, la Commissione speciale sui rifiuti torna a far parlare di sé, questa volta suo malgrado.



RedazioneWT

WalkieTalkie è un esperimento di giovani scrittori, pensato per informare ed essere informati. Puoi contattare la redazione inviando una email a redazionewt@gmail.com oppure seguirci su facebook e su twitter.

Leggi anche

Top