Home Business Build It di Amazon: decidi tu quali prodotti vendiamo!

Build It di Amazon: decidi tu quali prodotti vendiamo!

392
0
A due mesi dall’annuncio di Amazon, vediamo come sta andando Build It, il nuovo programma che fa decidere agli utenti quali prodotti mettere sul mercato.
Build it di Amazon

A due mesi dall’annuncio di Amazon, vediamo come sta andando Build It, il nuovo programma che fa decidere agli utenti quali prodotti mettere sul mercato.

Build It nasce da un’ossessione. E questo non lo dice chi scrive questo articolo – umilissima servitrice dell’informazione – ma lo sostiene chi presenta il nuovo processo produttivo di Amazon. Sì, ossessione: di aggiungere valore alla vita degli affezionatissimi all’azienda di Seattle. L’ossessione di mettere in connessione amici e parenti (ah, la leva emozionale, quanto vince nella comunicazione!) proponendo soluzioni innovative e pratiche.

L’ossessione di mettere al centro la felicità dell’utente. O del caro Jeff Bezos?

Il consumatore coinvolto è un consumatore felice

Nell’era del marketing della condivisione, dove tutto ciò che un brand decide di produrre – unilateralmente – è raccontato come un momento di profonda partecipazione dell’utente finale, diventiamo tutte e tutti prosumer. Cioè? Producer consumer, olltugheder.

E quindi, seguendo questo flusso del “facciamolo insieme e facciamolo meglio”, si inseriscono non solo slogan pubblicitari, ma anche trovate commerciali. Questo e molto altro è Build It: il nuovo programma Day 1 Editions di Amazon è progettato per presentare in anticipo al popolo dell’acquisto online prodotti che potrebbero andare sul mercato, ma che aspettano di essere approvati dalla community mondiale.

Build It di Amazon: come funziona?

L’idea è semplice” si legge nel blog di Amazon “ti presenteremo periodicamente alcune proposte e tu ci dirai quali vuoi che vengano realizzate, preordinandole. Se una proposta di prodotto raggiunge l’obiettivo di preordine entro 30 giorni, inizieremo a realizzarla e i sostenitori come te saranno tra i primi a riceverla. Il preordine ti dà la possibilità di beneficiare di un prezzo vantaggioso, che ti verrà addebitato solo se e quando il prodotto verrà spedito. Se l’obiettivo non viene raggiunto, il prodotto non verrà realizzato e non ti verrà addebitato alcun costo. Il rischio è basso, la ricompensa è alta ed è tutto molto divertente”.

Tutti contenti quindi: il cliente che prende parte al decision making di una realtà immensa come Amazon, e la casa produttrice che non rischia di puntare su prodotti che non vengono compresi dal mercato.

Tutto questo sa un po’ di crowdfunding e un po’ di indagine di mercato 3.0. Ma torneremo in futuro su questi argomenti: per ora manteniamo il focus.

Quali geniali proposte ci arrivano da Amazon, dunque?

Scopriamo a questo punto i primi prodotti del programma Build It proposti lo scorso febbraio.

  1. Smart Sticky Note Printer: la stampante che risolve l’annoso problema degli appunti scritti al volo con una grafia da brivido, che senti ancora le grida della maestra delle elementari nelle orecchie. Il funzionamento è semplice: parli con Alexa (solo con lei, non con l’altro), le dici se ti ricorda questa o quell’altra cosa, e lei poi lo può stampare su questi scontrini appiccicosi (sì, perché il rullo è di carta termica che non ha nemmeno bisogno di inchiostro). Figo eh? Pare di sì: il progetto è stato finanziato al giorno 3 dei 30 disponibili e verrà inviato tra luglio e settembre 2021 ai fortunatissimi che lo hanno preordinato.
A due mesi dall’annuncio di Amazon, vediamo come sta andando Build It, il nuovo programma che fa decidere agli utenti quali prodotti mettere sul mercato.

2. Smart Nutrition Scale: la bilancia intelligente che ti racconta vita, morte e miracoli del cibo che stai pesando. Basta poggiare l’alimento sul piatto e, chiedendo ad Alexa (sempre a lei, non all’altro), puoi ricevere informazioni (sia audio che video, se hai un Echo Show) sui suoi valori nutrizionali. “Bello, ma non ci vivrei” dice il popolo dell’internet: è stato raggiunto solo il 61% dei preordini necessari, e quindi niente. Forse mette un po’ di ansia tutta questa pratica…

 

A due mesi dall’annuncio di Amazon, vediamo come sta andando Build It, il nuovo programma che fa decidere agli utenti quali prodotti mettere sul mercato.

3. Smart Cuckoo Clock: è scritto strano, ma sì non è altro che un orologio a cucù di nuova generazione. Display analogico, pendolo e uccellino canterino: tutto il cucuzzaro, ma collegato ad Alexa e funzionante a batteria. Grazie al cielo non segna tutte le ore facendoti prendere un accidente, ma suona solo allo scadere di sveglie e timer. Carina come idea eh… ma non finanziata. Chissà come mai…?

A due mesi dall’annuncio di Amazon, vediamo come sta andando Build It, il nuovo programma che fa decidere agli utenti quali prodotti mettere sul mercato.

Vuoi partecipare anche tu?

Troppo tardi. Il primo round di preorder è terminato. Quali saranno i prossimi item disponibili per costruire il futuro di Amazon? Per ora non si sa, ma una cosa è certa: attualmente tutto questo giochino è disponibile solo negli USA.

Ah… dovevo dirtelo prima?