Home FantaTalkie Fantacalcio, ecco i nostri consigli per la 4a giornata di Serie A

Fantacalcio, ecco i nostri consigli per la 4a giornata di Serie A

207
0

Ritorna FantaTalkie, la rubrica dedicata a tutti i Fanta-allenatori. Anche quest’anno cercheremo di aiutarvi a mandare in “campo” la miglior formazione.

Portieri 

Tra i pali consigliamo Alisson che giocherà in casa contro il Verona. Spazio a Donnarumma che domani alle 15 difenderà i rossoneri dagli attacchi dell’Udinese.

Difensori

Buoni voti e buone prestazioni: è Daniele Rugani. Il bianconero ormai sta diventando una pedina fondamentale per Allegri. Senza alcun dubbio dentro anche Rodriguez, giocatore fondamentale nel nuovo Milan. Spazio anche a Kolarov e soprattutto Skriniar. A “Marassi” la Lazio soffrirà, ma non si può mai rinunciare a De Vrij. In seguito all’infortunio di Conti, sicura la presenza di Abate.

Centrocampisti

Puntate sugli interisti Perisic e Joao Mario. Dentro Pjanic ed Hamsik che potrebbero far gioire molto i fanta allenatori in questa giornata. Spazio a Zielinski e Kessie. Non dimenticate l’ottima forma di Luis Alberto.

Attaccanti

I veri dilemmi si trovano sempre qui, in attacco. In questa giornata decidiamo di puntare su Icardi e Simeone. Non possono mancare chiaramente Dzeko ed Immobile. Quest’ultimo in modo particolare è senza dubbio l’attaccante più in forma del nostro campionato. Spazio anche a Belotti in cerca di riscatto. Eder potrebbe essere una sorpresa. Non dimenticate Kalinic, Suso ed André Silva. Schierate il tridente del Napoli: Callejon, Mertens ed Insigne che contro il Benevento potrebbero segnare molti gol.

Articolo precedenteVelletri, tre giorni di eventi con il Festival del vino “Tutti giù in cantina”
Articolo successivoVelletri, il punto del sindaco Servadio a pochi mesi dalle amministrative
Mi chiamo Federico, ho 25 anni e sono uno studente di Lingue nella società dell’Informazione. Sono appassionato di calcio in tutte le declinazioni e Laziale da sempre. Cittadino del mondo. Dopo l’esperienza Erasmus in Spagna e un’esperienza lavorativa in Messico e Canada, sono sempre più convinto del fatto che ci si possa arricchire solo attraverso la conoscenza di culture e modi di pensare diversi da quelli in cui siamo nati. Per questo la mia meta è la prossima nazione in cui vivere.