Home Comunicati L’anno scout AGESCI inizia dal rifugio forestale

L’anno scout AGESCI inizia dal rifugio forestale

316
0

Domenica 25 ottobre hanno preso al via ufficialmente le attività per l’anno 2015-2016 del gruppo scout AGESCI Velletri 1. Il gruppo, che ha sede nella parrocchia San Martino v. di Velletri, ha deciso di iniziare le proprie attività presso il Rifugio della Forestale del Monte Artemisio in quanto facente parte delle undici associazioni che compongono l’Associazione Temporanea di Scopo “Natura Matura”.

Durante la giornata bambini, ragazzi, genitori e semplici curiosi intervenuti all’iniziativa si sono confrontati in una sfida di cinque prove riguardanti le tecniche maggiormente usate durante le attività e i campi scout: dall’accensione di un fuoco alla realizzazione di un rifugio, passando per il calco delle impronte, il soccorso di un ferito e il seguire i segnali di pista. Una festa vissuta nello spirito e nelle attività tipiche che da più di cento anni caratterizzano lo scautismo.

La giornata di apertura coincide anche con il momento i cui i bambini e ragazzi terminano ufficialmente il percorso dell’anno precedente e ne iniziano un altro più sfidante e avventuroso. Per alcuni è stato anche il momento di unirsi ai ragazzi più grandi come per i lupetti e delle lupette di 12 anni che hanno iniziato domenica il loro cammino come esploratori e guide o come i ragazzi e le ragazze di 16 anni che hanno terminato l’esperienza del reparto e iniziato quella da rover e scolte.

In uno straordinario clima felice e familiare che ha avuto come scenario il Rifugio della Forestale del Monte Artemisio, la giornata si è conclusa con la celebrazione della Liturgia Eucaristica con padre Felix Antony.
Come da titolo, questo è solo l’inizio…ci vediamo presto, ancora qui al Rifugio della Forestale del Monte Artemisio.

 

la Comunità Capi del gruppo scout AGESCI Velletri 1

 

Articolo precedenteFantacalcio senza tregua, si gioca il turno infrasettimanale
Articolo successivoVelletri, il Sindaco interviene in difesa del Presidente della Volsca