Tag Archives: Matteo Renzi

Oggi si vota, renziani e antirenziani alla prova dell’astensionismo

Oggi si vota, renziani e antirenziani alla prova dell’astensionismo

Sette sono le regioni chiamate al voto, più di cinquecento i comuni. Toscana, Umbria, Campania, Puglia, Veneto, Marche e Liguria si sono trasformate, fortunatamente per poche settimane, nel campo di una battaglia certamente più grande di loro: fa male alla democrazia sapere che le elezioni regionali di oggi sono state considerate un referendum per il

Perché l’Italicum e i cambiamenti della demo-società fanno paura

Senza esagerazione possiamo dire che la battaglia sull’Italicum ha chiuso un capitolo della politica italiana aprendo la visione agli scenari più vasti. Il prezzo pagato è uno strappo vistoso che adesso deve essere rimarginato; “questo governo è nato per fare le riforme e su quelle non si discute, per tutto il resto se ne può

Tra fascismo di lotta e di governo: siete sicuri che l’Italia s’è desta?

Nella settimana dell’Expo e dell’Italicum, lo storytelling renziano subisce due battute d’arresto, forse poco notate, ma estremamente importanti per capire la fase ed il cambiamento che stiamo vivendo: la bocciatura della Corte Costituzionale alla legge Fornero sulle pensioni e l’intervento dell’Istat sui dati provenienti dal mondo del lavoro (mai come ora essenziali per capire l’impatto

Quando diremo: “Prima gli italiani”

La democrazia è in pericolo. Ormai da qualche decade, ogni giorno. Sarebbe meglio dire «gli italiani sono in pericolo»? O ancora, «l’Italia è in pericolo»? E l’Europa? Ma andiamo con ordine: da cosa esattamente siamo minacciati? Dal “totalitarismo” di Renzi o dall’antipolitica e dai suoi stessi oppositori? Scontata l’agiografia del fenomeno-Renzi, oggi analizzeremo questa seconda

Il vuoto di Sanremo e le catene della maggioranza

Conclusa la settimana di Sanremo e delle riforme costituzionali, dalla palude del grigiume, dalla bagarre comunicativa, escono fieri due vincitori, due personalità capaci di imporsi (perché, come diceva Flaiano, “Gli italiani sono irrimediabilmente fatti per la dittatura” – signori lettori, raccogliete la metafora) sulle folle attonite che non capiscono l’assenza di confine tra genio e

Top