Tag Archives: Islam

La Democrazia del terrore

La Democrazia del terrore

In principio era Charlie Hebdo. Poi una serie infinita di violenza. Parigi. Copenaghen. Suruc.  Ankara. Poi ancora Parigi, Bruxelles, infine Monaco. La Francia, il Belgio, la Turchia, ora la Germania. In mezzo una dozzina di attacchi sventati o non del tutto “riusciti”. Ci uccidono nei bar, nelle sale concerto, sui treni e negli aeroporti. Con

Sin miedo

Madrid, Spagna. Anno 2015: Jesús Rodríguez, noto giornalista de El país, ha riportato in un suo articolo le interviste fatte a donne spagnole, e musulmane, universitarie, giornaliste, medici, psicologhe, che arrivarono o nacquero in questo paese come figlie di immigranti o che scelsero per loro la conversione all’islam come un progetto spirituale di vita. Mi

A proposito dello scontro di Civiltà

Ci si prova a non essere democristiani, ma di fonte al manicheismo imperante, alle certezze strillate e ai toni da guerrafondai che ci circondano in questo periodo, si è quasi costretti a passare per nostalgici della Dc. E anche questa volta, di fronte al rincoglionimento generalizzato provocato dai tragici attacchi di Parigi e la sempre

La comunità islamica di Velletri scende in piazza contro il terrorismo

Mentre, proprio in questi minuti, è in corso un nuovo attacco jihadista in Mali, non si arrestano le reazioni provocate dagli attentati terroristici che hanno colpito Parigi la scorsa settimana. Alcune degne di nota e altre decisamente meno. Tra le prime figura sicuramente quella che domani, sabato 21 novembre, vedrà protagonista la città di Velletri.

Il fantasma del terrore passa in Turchia, nuovo confine tra Occidente ed Oriente

L’attentato contro dei giovani attivisti che si preparavano a partire per prendere parte alla ricostruzione di Kobane, cittadina al confine tra Siria e Turchia, ha sconvolto una comunità, quella curda che si sta riorganizzando intorno al partito di riferimento, l’hdp, e tutti coloro che, attraverso le immagini della strage o le foto dei giovani ragazzi,

La libertà d’espressione dopo Charlie Hebdo

Sono passati circa 5 mesi dalla manifestazione dell’undici gennaio, attraverso la quale il popolo francese ha espresso solidarietà alla redazione del giornale satirico Charlie Hebdo, trasformandolo in un simbolo di unità nazionale, talvolta anche senza considerare l’ideologia alla base della sua ironia politicamente scorretta e provocatoria. La campagna mediatica ha investito rapidamente tutte le fasce

#JenesuisplusCharlie?

7/1/15 – 16/2/15 A più di un mese di distanza dall’accaduto tutto sembra placato, inerte. Una grande catena di solidarietà (addirittura considerata unica al mondo dai giornali francesi), si è spezzata come un ramoscello in prenda alla tempesta; ma la tempesta non è ancora finita. L’attacco di sabato pomeriggio (14 febbraio ndr.) a Copenaghen ci

Top