Tag Archives: ISIS

La paura di professare

La paura di professare

L’ennesimo attentato terroristico avvenuto nella mattinata di martedi 26 luglio a Saint-Etienne-du-Rouvray, in Francia, ha posto di nuovo l’attenzione sul motivo principale della guerra intrapresa dallo stato Islamico e cioè la religione. L’uccisione del parroco di una chiesa vicino Rouen, come ben sappiamo, è avvenuta durante una celebrazione religiosa interrotta proprio da due terroristi (nati

La Democrazia del terrore

In principio era Charlie Hebdo. Poi una serie infinita di violenza. Parigi. Copenaghen. Suruc.  Ankara. Poi ancora Parigi, Bruxelles, infine Monaco. La Francia, il Belgio, la Turchia, ora la Germania. In mezzo una dozzina di attacchi sventati o non del tutto “riusciti”. Ci uccidono nei bar, nelle sale concerto, sui treni e negli aeroporti. Con

Santa voglia di vivere

Dopo la cattura di Salah Abdeslam i media europei hanno riportato la notizia come un grande successo delle forze di sicurezza del Belgio; si parlava di lui come il ricercato numero uno in Europa, ed il suo arresto rappresentava un potenziale argine contro il terrorismo. Eppure, qualche giorno dopo, il terrore si è ripreso il

La lotta al terrorismo mai iniziata

Davanti agli attacchi di Bruxelles che colpiscono al cuore dell’Europa c’è poco da dire. La prima risposta sembra essere la rabbia, poi lo sconforto ed il silenzio. Ma se c’è qualcosa da analizzare e da evidenziare – ed eventualmente anche da imparare – è necessario fermare il flusso ininterrotto di pensieri e ragionare sui dati

La comunità islamica di Velletri scende in piazza contro il terrorismo

Mentre, proprio in questi minuti, è in corso un nuovo attacco jihadista in Mali, non si arrestano le reazioni provocate dagli attentati terroristici che hanno colpito Parigi la scorsa settimana. Alcune degne di nota e altre decisamente meno. Tra le prime figura sicuramente quella che domani, sabato 21 novembre, vedrà protagonista la città di Velletri.

Una grande coalizione ed un grande girotondo

Le reazioni che si sono susseguite dopo gli attacchi a Parigi, dopo il “venerdì 13”, hanno evidenziato tutta la rabbia repressa (giusta o sbagliata che sia) dei cittadini italiani e dell’Europa intera, se non dell’occidente tutto. Ma insieme alla rabbia, subito dopo le condanne univoche, è ricominciato il gioco delle parti e delle posizioni, ognuno

Isis chi?

“La Turchia inizia a bombardare l’Isis”, ma più che altro bombarda i curdi. “Assad bombarda l’Isis”, ma più che altro bombarda i ribelli (e compra il petrolio dell’Isis). “La Russia inizia a bombardare l’Isis”, ma più che altro bombarda i ribelli anti-Assad. “Gli USA iniziano a bombardare l’Isis”, ma più che altro vorrebbero bombardare Assad. “I curdi combattono contro

Il rebus del Medio Oriente mette in crisi le nostre democrazie

Prima l’accordo “nucleare” con l’Iran, poi gli attacchi dei talebani in Afghanistan, contemporaneamente il vertice anti-terrorismo dell’ONU. Questi i fascicoli che hanno riportato prepotentemente sulla scena il groviglio geopolitico del Medio Oriente e del Nordfrica. A tutto ciò va ovviamente aggiunta la cassa di risonanza che ha avuto la condanna a morte di Ali Mohamed

Top