Ismaele La Vardera presenta il suo libro “Le piccole cose fanno la differenza”

Nel pomeriggio di Sabato 16 Febbraio si è svolta presso la Mondadori di Velletri la presentazione del libro di Ismaele La Vardera, inviato di Openspace (Le Iene) e di Telejato, emittente televisiva indipendente di Partinico (in provincia di Palermo).

Sempre in provincia di Palermo ha inizio la scelta di vita di Ismaele, che decide di fare giornalismo perchè “il giornalismo che gli veniva propinato in tv non era soddisfacente”. Un microfono nascosto e un broglio elettorale nel comune di Villabate (sua città natale), sono il nucleo narrativo de “Le piccole cose fanno la differenza”, un titolo volutamente banale, per parlare di quella legalità vissuta quotidianamente.

Attraverso la vicenda che lo ha portato alle cronache nazionali (anche se a lui non piace affatto essere definito “eroe”, ndr), l’autore ha ripercorso le tappe del suo percorso giornalistico: iniziato quando aveva 16 anni, è arrivato ora a non averne ancora 23 ed essere il giornalista più giovane di Mediaset.

“Il mio mentore è stato sicuramente Pino Maniaci, direttore di Telejato, che mi ha messo una telecamera in mano e mandato subito per strada a fare inchieste. Poi l’anno scorso il servizio sulle elezioni a Villabate. Sei mesi di paura prima che venisse trasmesso da Le Iene. Gli sguardi dei miei concittadini , le minacce ai miei genitori; ma il rimanere concentrati sullo scopo del mio lavoro mi ha permesso di andare avanti.”

Il pubblico, molto preso dalle parole di Ismaele, è intervenuto con numerose domande. I temi hanno spaziato dai temi più recenti (Mafia Capitale, il caso del comune di Quarto, ecc.) al ruolo che oggi dovrebbero assumere gli educatori nei confronti dei loro ragazzi. “Solo l’essere d’esempio può dare la svolta a questa situazione”, prosegue Ismaele. “Non si tratta di partiti politici o movimenti, ma di cittadini con senso critico e civile. Parlando nelle scuole ho avuto modo di sentire la prospettiva degli adolescenti, spesso etichettati come “il nostro futuro”, ma quando alzano gli occhi vedono adulti che sono cattivi esempi. Anche per questo con Telejato organizziamo dei campus estivi per ragazzi in cui si dà la possibilità ai ragazzi di lavorare in redazione ed essere “sul campo”, tutto ovviamente spesato.”

I prossimi appuntamenti di Ismaele sono nelle scuole di tutta Italia con Marco Ligabue, cantante con cui ha collaborato nella scrittura de “Il silenzio è dolo” (sottotitolo del libro, ndr), per continuare a parlare con i giovani di cosa significa veramente la parola legalità.



Matteo Cioeta

Ho studiato musica fin da quando avevo sei anni e ho deciso di raccontare la mia piccola esperienza dentro "autoreverse". Io che un autoreverse non l'ho mai visto.

Leggi anche

Top