La resurrezione della carne

Ivan è un aspirante poeta all’apice del successo come sceneggiatore. La vita gli ha regalato tutto ma non la felicità; la sua insoddisfazione e la sua intelligenza lo portano a lasciarsi trasportare dagli eventi, lo costringono al cinismo come ultima difesa.

Poi, all’improvviso, ottiene tutto ciò che non aveva mai pensato di poter desiderare; si innamora di Giovanna e della vita.
Quando tutto ciò che ha ottenuto gli viene tolto, Ivan non si ferma a credere che sia colpa del Destino, vuole l’Uomo responsabile del suo dolore, vuole la verità.

Nel fluire di questa caccia senza tregua la trama si intreccia con una rappresentazione della realtà che lo circonda ossessiva, quasi cannibalesca, in cui inevitabilmente il lettore viene trascinato. Una Milano irreale, gli ambienti della moda che si tingono di nero ed una riflessione incredibile sul nuovo Bene e sul nuovo Male. Un respiro narrativo potente e rapido proietta Bianconi nella narrativa Italiana; non può essere considerato solamente un “caso editoriale”.



Gabriele Cimmino

Gabriele Cimmino è nato nel 1996, ha una personalità spiccata che si sviluppa tra letteratura, innaturali tendenze a parlare di sé in terza persona ed un incessante citazionismo; ad esempio, scrive su WalkieTalkie per consumare "un po' d'ansiosa incosciente giovinezza".

Leggi anche

Top