Presentata a Porta Napoletana la Festa dell’Uva e dei Vini

Arrivata all’ottantacinquesima edizione, la festa dell’Uva è ormai una tradizione perfettamente inserita nel territorio veliterno, valorizzando i suoi prodotti ed allietando i cittadini. La location scelta per presentarla quest’anno è Porta Napoletana, unico ingresso storico rimasto alla città di Velletri e simbolo della vicinanza alla popolazione; tutto infatti si è svolto all’aperto, stimolando la partecipazione e la curiosità dei passanti.

A precedere la descrizione del programma da parte dell’Assessore è stato l’intervento del Sindaco, Fausto Servadio, che ha sottolineato ancora una volta l’importanza del lavoro svolto per uscire dal dissesto finanziario, lavoro amplificato dal ruolo di presidente dell’A.n.c.i. Lazio, e le tante sfide che ancora attendono la giunta. Tra le altre anche l’intenzione di valorizzare e riqualificare l’ultimo tratto del Corso della Repubblica, quello che unisce Porta Napoletana a piazza Mazzini, ad ora totalmente asfaltato. Non poteva mancare un passaggio leggero sulle opposizioni, sia locali che nazionali, a rimarcare che la solidarietà e l’aiuto delle Istituzioni non può e non deve seguire colori politici o differenze di nazionalità e provenienza.
Il Sindaco si è poi soffermato sull’importanza della festa per la città, ringraziando quanti stanno contribuendo all’organizzazione ed auspicando una partecipazione massiccia.

Successivamente, l’Assessore all’agricoltura ed alla valorizzazione dei prodotti agricoli, Orlando Pocci, ha presentato le attività che comporranno la festa: una delle novità riguarda la cantina sperimentale che resterà aperta ed ospiterà una mostra “ampelografica” sulle varietà di vitigni coltivate nelle campagne veliterne. Interessate ovviamente tutte le piazze e le vie più importanti del centro con in più l’evento “Mangiamoci al mercato” che vedrà il mercato coperto di piazza Metabo allestito e pronto ad ospitare stand enogastronomici. Quello che mancherà sarà invece il Palio delle Decarcie, giunto alla ventesima edizione; a causa di un cambiamento nelle regolarizzazioni nazionali non sarà più possibile far correre i cavalli su strada senza che sia creato un fondo in terra o in sabbia. L’impegno dell’amministrazione è comunque quello di organizzare il Palio al meglio nei prossimi mesi, creando così un’altra giornata di festa ed un evento a sé stante.

Insomma, una festa all’insegna della tradizione e dell’innovazione, che sarà un banco di prova per la città e per i commercianti, ma che rappresenta soprattutto un’occasione per ritrovare le radici della nostra terra e per riscoprire i suoi sapori.



RedazioneWT

WalkieTalkie è un esperimento di giovani scrittori, pensato per informare ed essere informati. Puoi contattare la redazione inviando una email a redazionewt@gmail.com oppure seguirci su facebook e su twitter.

Leggi anche

Top