Tanti auguri WalkieTalkie, comunque vada sarà un successo!

Domani, 15 settembre, WalkieTalkie News spegnerà la sua prima candelina. Proprio un anno fa, infatti, il countdown stava per esaurirsi e noi ci preparavamo ad entrare in questo mondo, con l’ambizione di conquistarci una fetta di lettori proponendo un format nuovo, basato su un modo profondamente innovativo di concepire il giornalismo.

Non è un segreto, infatti, che quando abbiamo pensato a WalkieTalkie avevamo in mente un laboratorio di scrittura che consentisse soprattutto ai più giovani di mettersi alla prova, di raccontare le proprie esperienze dando contemporaneamente forma alle proprie idee, per poi condividerle con tanti potenziali lettori. Ecco spiegate le numerose sezioni presenti sul nostro sito, create proprio per permettere a tutta la redazione di esprimersi al meglio: dall’attualità locale agli editoriali con un taglio nazionale, passando per le rubriche, la gallery e l’angolo autogestito dagli studenti. Con questo sono 504 gli articoli pubblicati in un anno sul sito e disponibili anche sull’app per smartphone, attraverso i quali ci siamo divisi il difficile compito di informare ed incuriosire il lettore, semplicemente praticando quello che per tutti noi rimane, almeno per ora, un hobby da coltivare con passione.

Ecco perché oggi, a praticamente un anno di distanza, posso dire con soddisfazione che l’esperimento è riuscito. Inserirsi in un contesto già abbondantemente affollato come quello del giornalismo a Velletri e Lariano non era facile, noi ci siamo riusciti facendo leva sulla freschezza di una redazione giovane, con proposte innovative e ambiziose. E adesso è arrivato il momento di rilanciare: stiamo per arricchire la nostra offerta con nuove sezioni sul sito e una redazione ampliata da altri giovani collaboratori, pronti a raccontare e ad informare con le proprie idee e il loro modo di scrivere. In fondo il bello di WalkieTalkie è soprattutto questo: la consapevolezza per il lettore di poter trovare tante firme, con visioni anche diverse tra loro, tutte su un’unica testata.

Una linea editoriale che continuerà a contraddistinguerci anche sotto la guida del nuovo direttore editoriale, la prima grande novità di quest’anno. Si perché, come avevamo annunciato fin dall’inizio con l’articolo di presentazione, quella di WalkieTalkie è una realtà dinamica, alla continua ricerca di novità che ci consentano di affrontare al meglio le sfide che ci attendono. A tal proposito, Gabriele Cimmino è la guida scelta per proseguire questo viaggio e saprà raccontarvelo nella maniera giusta, ne sono sicuro. Quanto a me, la mia firma continuerà ad essere una di quelle che troverete su questo esperimento ambizioso, con la consapevolezza che comunque vada sarà un successo.

Tanti auguri WalkieTalkie!



Giorgio Zaccagnini

Ventottenne appassionato, giornalista solo per hobby. Almeno per ora. Prima di fondare WalkieTalkie ho scritto due tesi di laurea, la seconda più bella della prima. In cambio ho ricevuto il titolo di dottore in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni. Fortemente condizionato dalla convinzione che la sostanza sia più importante della forma, pratico tutte le mie passioni. Attivista politico e tifoso laziale, parteggio. Sempre.

Leggi anche

Top