Velletri, il sindaco annuncia il rimpasto di giunta e ringrazia commosso la Modio

Dopo oltre sette anni Alessandra Modio lascia l’incarico di assessore alle Politiche sociali del Comune di Velletri. Una scelta sofferta le cui cause, come spiegato dalla diretta interessata, vanno ricercate in primis nelle difficoltà in ambito personale dovute agli impegni di famiglia e ai problemi di salute che con il passare del tempo si sono fatti sentire sempre di più. Ma la decisione che l’ormai ex assessore meditava da tempo e che ha ufficializzato lo scorso lunedì (1 giugno ndr.) protocollando le sue dimissioni, è dovuta anche a questioni di natura politica, con una parte del suo partito, il PD, che rivendica un ruolo più attivo all’interno della Giunta comunale.

Il mix tra queste vicende, hanno spinto Alessandra Modio a rimettere le deleghe nelle mani del sindaco Servadio, che l’ha sempre difesa e incoraggiata a proseguire il suo lavoro e che solo lo scorso lunedì si è arreso dinanzi alla ferma volontà dell’ex assessore. Un legame profondo tra i due, che è stato testimoniato anche nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale, quando il sindaco ha letto personalmente la lettera di dimissioni della Modio, non riuscendo a trattenere le lacrime.

Dinanzi ai consiglieri comunali di maggioranza e opposizione, Servadio ha lodato e ringraziato Alessandra Modio per il lavoro svolto e per il contributo dato, annunciando che per il prossimo Consiglio sarà in grado di definire il rimpasto di giunta che sancirà l’ingresso in amministrazione di due nuovi assessori, che andranno a ricoprire i posti vacanti alle Politiche sociali e alla Cultura. Una rivisitazione che, come specificato dal sindaco, andrà a completare il percorso già avviato con la redistribuzione degli incarichi ai dirigenti e ai dipendenti del Comune, in ottemperanza alla legislazione che prevede, appunto, la loro rotazione. Ma Servadio ha ringraziato anche la stampa e i consiglieri di opposizione per la sensibilità mostrata con le loro dichiarazioni sulla vicenda Modio, ribadendo però che il lavoro dell’amministrazione proseguirà nel rispetto dei cittadini e del programma elettorale da loro votato, minimizzando così anche le voci che vorrebbero un indebolimento della maggioranza che lo sostiene. Significativo, in tal senso, anche un passaggio della lettera di Alessandra Modio, quello in cui l’ex assessore evidenziando la necessità di rafforzare la giunta, precisa: “non me ne vado sbattendo la porta, non è il mio stile e non ne ho motivo. Non me ne vado affatto, cambio ruolo”.

Tanti gli attestati di stima recapitati alla Modio. Daniele Ognibene, Presidente del Consiglio comunale, l’ha ringraziata definendola “una delle più attive sul nostro territorio”, dicendosi sicuro che l’ex assessore si dimette dall’incarico ma non dalla sua passione politica. Il consigliere Gianni Cerini si è detto dispiaciuto e certo che non sarà facile sostituire quella che è “una grande perdita per la maggioranza”, mentre Giorgio Greci e Antonietta Dal Borgo hanno espresso la loro vicinanza alla Modio per i suoi problemi personali, evidenziando come il rispetto della persona prescinda dalle differenze di natura politica.



RedazioneWT

WalkieTalkie è un esperimento di giovani scrittori, pensato per informare ed essere informati. Puoi contattare la redazione inviando una email a redazionewt@gmail.com oppure seguirci su facebook e su twitter.

Leggi anche