L’associazione Memoria ‘900 al lavoro per il progetto “Velletri 1944”

Si avvicina la fatidica data del 4 giugno 2015, giorno prescelto dall’associazione culturale Memoria ‘900 per presentare – al Teatro Artemisio Gian Maria Volonté – il docufilm “Velletri 1944”.

Un lavoro molto lungo, difficile, studiato, ma anche dalla forte valenza storica e forse unico nel suo genere per quanto riguarda la nostra città. Il direttivo di Memoria ‘900 ha infatti lanciato l’idea di voler costruire un vero e proprio archivio aperto a tutte quelle testimonianze del “secolo breve”. Il docufilm si compone di ben venticinque interviste ed è il primo risultato di quelli prefissati dall’associazione presieduta da Cristina Turchi.

Il progetto “Velletri 1944” è stato realizzando lavorando sulla raccolta dei ricordi chi quanti erano presenti durante i bombardamenti dell’ultimo Conflitto Mondiale in formato audio/video, privilegiando una forma narrativa. Il lavoro di raccolta delle testimonianze è stato terminato e assembleato grazie alla collaborazione dell’operatore Adriano Morelli, al quale si affiancano Gaetano Campanile e Emanuela Treggiari. Il Gruppo di lavoro del docufilm si è avvalso della collaborazione di Mariella Li Sacchi, Paolo Carotenuto e, per la composizione della colonna sonora, del maestro Claudio Micheli.

“La ricerca delle testimonianze – scrivono dall’Associazione – mira a raccogliere non tanto la cronologia degli eventi, peraltro conosciuta, ma i risvolti umani, le paure, i sentimenti, le storie di vita quotidiana. Il materiale raccolto sarà poi messo a disposizione in formato integrale e ne verrà confezionato un documentario con ricostruzioni, contributi filmati d’epoca, voce narrante e colonna sonora originale”. Appuntamento dunque per il 4 giugno alle ore 18,00 presso il Teatro Artemisio GMV, per scoprire gli aspetti nascosti ma altrettanto storici della Velletri nel 1944.

Rocco Della Corte



RedazioneWT

WalkieTalkie è un esperimento di giovani scrittori, pensato per informare ed essere informati. Puoi contattare la redazione inviando una email a redazionewt@gmail.com oppure seguirci su facebook e su twitter.

Leggi anche