Lariano, la maggioranza perde i pezzi. Ecco il resoconto del Consiglio comunale

Mercoledì 22 aprile 2015 si è svolta una seduta del Consiglio comunale a Lariano. Il primo a prendere la parola è stato il sindaco, il quale ha informato che il consigliere Ferrante Carrante riprenderà l’assessorato con deleghe all’Ambiente, alla Viabilità e ai Rapporti con Acea. A seguire, il consigliere Marco Petrilli (in foto) ha comunicato il suo rifiuto dell’assessorato e la sua uscita dalla maggioranza, dichiarandosi insoddisfatto a causa della scarsità dei cambiamenti politici rispetto alle precedenti amministrazioni oltre alla mancata attuazione dei presupposti del programma della lista civica “Prima Lariano”.

Tra i punti all’ordine del giorno c’era, poi, l’esame delle tre mozioni avanzate dall’opposizione, conclusosi con l’approvazione di queste istanze. Il primo punto esaminato, esposto dalla lista civica “Più Lariano”, riguarda un disservizio relativo ai tributi comunali, avente ad oggetto il controllo di richieste di pagamento incongrue. A partire da febbraio 2015, 319 utenti si sono visti recapitare cartelle che richiedevano un’integrazione pecuniaria per servizi e rifiuti Tares che, in base al decreto dell’8 agosto 2013, ha sostituito la Tasi. Il consigliere Astolfi ha esposto il disagio dei cittadini che hanno già pagato e ha richiesto una maggior attenzione da parte degli uffici del Comune per evitare duplici pagamenti. Il sindaco Caliciotti, in risposta, ha difeso il lavoro svolto dagli uffici sottolineandone la diligenza ed ha inoltre giustificato tali integrazioni facendo presente i cambiamenti procurati dal passaggio Tasi-Tares (si è passati da un tributo fisso a mq. ad una tassazione variabile per famiglia e mq.) ed ha sottolineato la necessità di “pagare tutti per pagare meno”.

A tale affermazione si ricollega il secondo punto esposto in consiglio, in cui l’opposizione richiede maggiore trasparenza nel dare risposte chiare ai consiglieri minori e soprattutto ai cittadini. Secondo la legge, i regolamenti e lo statuto comunale, gli uffici dell’amministrazione sono tenuti a rispondere entro 30 giorni dalla richiesta. Il primo cittadino ha sottolineato che, nonostante l’insufficienza dell’organico, si cerca di dare risposta attraverso gli amministratori che pubblicano le notizie sul sito offrendo un servizio trasparente ed efficiente.

La terza mozione, mossa dalla lista civica “Più Lariano”, ha avuto ad oggetto chiarimenti ed informazioni in merito al patrimonio del Comune, in particolar modo immobiliare (affitto terreni congrui e non svenduti, appartamenti popolari da riprendere ed assegnare a chi ne ha reale necessità). Il consigliere Astolfi ha richiesto l’elenco sui costi e la gestione di tali immobili, il quale non è stato ottenuto poiché, come affermato dall’assessore Ferrante Carrante, il Comune ne è sprovvisto ma vi è un mandato affinché sia predisposto un inventario. Inoltre, combattere l’abusivismo non è cosa semplice ma l’attuale amministrazione si sta muovendo in questo senso, essendo già riuscita a liberare 2 appartamenti in p.zza Mattarella ed uno, (purtroppo, però, fatiscente) in p.zza S.Eurosia. La situazione più problematica in tal senso è quella di via Tevere: due palazzine ultimate sono rimaste di proprietà del Comune di Lariano, costituendo una grave perdita economica per il paese  (finora sono stati spesi circa 70-80 mila euro) che è obbligato a pagarne le spese di condominio e manutenzione. A peggiorare la situazione, su tali appartamenti il Comune di Lariano è impegnato in un giudizio contenzioso presso il Tribunale di Latina; l’esito negativo obbligherebbe il Comune al pagamento della somma di 12 milioni 575 mila euro.

Per finire, sono state approvate altre due mozioni già discusse in precedenti consigli: la prima relativa al regolamento cimiteriale, con cui si sono stabiliti 50 anni per la concessione dei loculi (invece di 40) e di salvaguardare i contratti precedentemente stipulati dai cittadini; la seconda, invece, attinente al regolamento dei rifiuti, con cui si prevede la possibilità per tutti i cittadini di contattare gli uffici via email o attraverso il numero verde per il ritiro di sfalci ed ingombranti, in caso di provata impossibilità a conferirli presso l’ecocentro comunale.

Un Consiglio comunale impegnativo, in cui non sono mancate le critiche e le discussioni, ma che sembrerebbe almeno in parte e soprattutto almeno per ora a livello teorico, aver portato i suoi frutti, attraverso il dialogo tra maggioranza ed opposizione.

Fabiola Tota



RedazioneWT

WalkieTalkie è un esperimento di giovani scrittori, pensato per informare ed essere informati. Puoi contattare la redazione inviando una email a redazionewt@gmail.com oppure seguirci su facebook e su twitter.

Leggi anche

Top