L’attacco del PD Velletri: “sui rifiuti siamo rimasti gli unici a difesa del territorio”

Rifiuti, il PD Velletri e la maggioranza di centrosinistra sono rimasti gli unici a difesa del territorio di Velletri

Quello inerente la gestione dei rifiuti è oggi un tema centrale dell’agenda politica, che va affrontato con trasparenza e grande senso di responsabilità da parte di tutti, incentivando il confronto leale e partecipato, al fine di arrivare all’individuazione delle scelte migliori per una comunità. È proprio in virtù di questa convinzione che in Consiglio Comunale il Partito Democratico di Velletri ha votato a favore dell’istituzione di una Commissione consultiva sul tema dei rifiuti, che approfondisse il progetto di impianto di trattamento dei rifiuti presentato dalla Volsca Ambiente s.p.a. e mantenesse alta l’attenzione sull’altro progetto, questo da scongiurare con fermezza, presentato da una società privata e inerente la realizzazione di una mega discarica sul territorio di Velletri.

Ebbene, dopo settimane di lavori, con grande rammarico dobbiamo constatare che quella Commissione istituita col nobile fine di valutare ed individuare le migliori soluzioni possibili legate alla realizzazione dell’impianto targato Volsca Ambiente, si è in realtà trasformata in una passerella per politici già bocciati dagli elettori veliterni e che, erigendosi a paladini del popolo, questi approfittano delle difficoltà dei cittadini e gettano fumo nei loro occhi. Lo stesso presidente della Commissione, il consigliere Giorgio Greci, non sembra avere il polso della situazione in mano, visto e considerato che prima fa pervenire all’amministrazione comunale una richiesta “bizzarra” con la quale chiede l’individuazione di una figura super partes che faccia il punto sul progetto della Volsca Ambiente (come se la Regione Lazio a cui spetta valutare l’impatto dell’opera fosse un’Ente fazioso e di parte, alla faccia del rispetto per le istituzioni!) e subito dopo chiama in audizione in Commissione l’ex candidato sindaco di Albano Laziale del Movimento 5 Stelle, Emiliano Bombardieri, che vanta tra l’altro anche una denuncia per interruzione di pubblico servizio. Su questo il Movimento 5 Stelle di Velletri ha scelto di barricarsi in un silenzio assordante ed incoerente. È questa l’imparzialità che invoca il presidente Giorgio Greci per i lavori della Commissione?

La verità è che tutto questo rischia di trasformare un luogo istituzionale di confronto e partecipazione, qual è la Commissione, in un circo mediatico e non, senza alcuna possibilità di incidere positivamente sul tema della gestione dei rifiuti di Velletri.

Tra populisti e ignoranti in materia, gli unici che fino ad oggi hanno dimostrato di voler affrontare il tema della gestione dei rifiuti di Velletri con senso di responsabilità e profondo rispetto per i cittadini, sono l’amministrazione Servadio e la maggioranza di centrosinistra guidata dal PD, che lo scorso 17 aprile in Consiglio Comunale ha presentato e approvato (senza i voti dell’opposizione che ha politicamente scelto di uscire dall’aula) una variante alle norme tecniche di attuazione del Piano Regolatore della città di Velletri, con la quale viene scongiurata la costruzione sul nostro territorio di mega impianti pronti ad ospitare i rifiuti di Roma.

Questi sono i fatti che i cittadini di Velletri chiedono e che vanno a rafforzare ulteriormente le altre azioni di tutela del territorio veliterno messe in campo dal PD e dalla maggioranza di centrosinistra.

Partito Democratico Velletri



RedazioneWT

WalkieTalkie è un esperimento di giovani scrittori, pensato per informare ed essere informati. Puoi contattare la redazione inviando una email a redazionewt@gmail.com oppure seguirci su facebook e su twitter.

Leggi anche

Top