La Consulta giovanile intervista gli studenti di Velletri su “La Buona Scuola”

La Consulta giovanile di Velletri torna a far parlare di sé. Dopo il programma di eventi realizzati la scorsa estate a Villa Bernabei, stavolta i ragazzi della Consulta hanno interpellato gli studenti delle scuole superiori di Velletri su “La Buona Scuola”, la consultazione lanciata dal governo in vista dell’annunciata riforma del mondo dell’istruzione.

Nello specifico, dopo aver sottoposto degli appositi questionari agli studenti dei vari istituti veliterni, i ragazzi della Consulta giovanile hanno raccolto direttamente le loro opinioni girando una video-intervista nella quale hanno elencato anche i risultati della consultazione. Un buon test per conoscere l’orientamento degli studenti di Velletri e per incentivarli a partecipare attivamente su una materia che li riguarda in prima persona.

In fondo il compito della Consulta giovanile, quale organo consultivo del Comune, è proprio questo: “promuovere iniziative inerenti i giovani, proponendosi come punto di riferimento e di informazione per i gruppi ed i singoli interessati ai problemi della condizione giovanile nei suoi vari aspetti” (dal Regolamento della Consulta giovanile di Velletri). Istituita nel 2010 con deliberazione unanime del Consiglio comunale, in questi anni non tutti ne hanno saputo cogliere il ruolo fondamentale di raccordo delle varie realtà giovanili presenti sul territorio veliterno, una rete che va dalle singole associazioni alle organizzazioni politiche giovanili, fino ai rappresentanti degli studenti eletti negli istituti superiori di Velletri. E anche se, ancora oggi, perfino qualche consigliere comunale risulta impreparato sul tema, ai ragazzi della Consulta giovanile importa poco, impegnati come sono a spendersi per la Città e per la sua comunità giovanile.



RedazioneWT

WalkieTalkie è un esperimento di giovani scrittori, pensato per informare ed essere informati. Puoi contattare la redazione inviando una email a redazionewt@gmail.com oppure seguirci su facebook e su twitter.

Leggi anche